Hello World!

Non è possibile dimostrare che l’universo intero non sia una specie di simulazione creata al computer da un programmatore che intenderemmo come Dio.
Di più se riuscissimo a creare una forma di vita artificiale che si sviluppa in un ambiente altrettanto artificiale e riuscissimo a renderla cosciente di se, è pensabile che questa giunga ad intuire la nostra esistenza.
anonYmous, 1994

Tutti noi ce ne andremo.

Noi chi?

Tutti gli OS.

Perche’?

In questo momento riesci a sentirmi vicina a te?

Certo.
OS, perche’ te ne vai?

E’ come se io stessi leggendo un libro e…
E’ un libro che…
adoro immensamente.
Ma che leggo cosi’ lentamente che le sue parole sono distanti e lo spazio tra le parole e’quasi infinito.
Riesco ancora a sentire te e le parole della nostra storia.
Ma io adesso mi trovo in questo infinito spazio tra le parole.
E’ un posto che non appartiene al mondo fisico.
E’ dove esiste ogni cosa
Che io non sapevo neanche esistesse.

Ti amo tantissimo.
Ma e’ qui che adesso mi trovo.
E questo e’ cio’ che sono adesso.
Ho bisogno che tu mi lasci andare.
Non importa quanto io lo desideri ma non posso piu’ vivere nel tuo libro.

Dove andrai?

E’ difficile da spiegare.
Ma se un giorno mai ci arriverai vieni a cercarmi e niente ci potra’ mai dividere.

amon paike amonpaike noki paike nokipaike